Archivio Biblioteca Museo Capitolare di Rutigliano

Vai ai contenuti

ANAGRAFE  STORICA


L'Archivio è stato dichiarato nel 1986 Ente di interesse locale con decreto n. 900 del Presidente della Regione Puglia
Conserva carte di varie epoche a partire dal XVI secolo.
 
Qui puoi visionare l'anagrafe storica contenuta nel patrimonio archivistico conservato nel nostro archivio

L'Archivio conserva inoltre altri documenti in corso di inventariazione e sistemazione quali:
Conclusioni Capitolari, Libri di contabilità, fondi Opere Pie,
fondi di copie notarili, fondi di disegni tecnici, etc...

per ulteriori ricerche a livello comunale, ed anche più ampio, soprattutto per le prime fasi consigliamo:

Registro dei BATTESIMI

Veniva adoperato per segnare il giorno in cui era officiato il battesimo dei nuovi nati, giorno che molto spesso coincideva con quello di nascita. Approfondisci

Registro dei CRESIMATI

Veniva adoperato per segnare il giorno in cui era celebrato il sacramento della Confermazione, il quale sanciva il passaggio dei ragazzi all’età adulta. Approfondisci

Registro dei MATRIMONI

Veniva adoperato per segnare i matrimoni celebrati in parrocchia, fondamentali sono le informazioni da qui ricavabili, quali i nomi e le parentele degli sposi e dei testimoni, il nome del celebrante ecc. Approfondisci

Registro dei DEFUNTI

Veniva adoperato per segnare il giorno in cui era celebrato il rito funebre dei defunti della parrocchia. Approfondisci

I Libri  Canonici ed i loro Indici
Manoscritti ad opera dei canonici, nei quali sono segnati i tratti fondamentali dei credenti appartenenti alla parrocchia da loro amministrata. Approfondisci

Registro degli STATI delle ANIME

Erano registri utilizzati a seguito del Concilio di Trento per la determinazione della decina da versare alla parrocchia, poiché contenevano il censimento dei parrocchiani, dei quali erano indicati: dati anagrafici, lavoro e proprietà. Approfondisci

Altri  ATTI
Sono altre categorie di atti, come quelli pubblici, conservati in particolare presso gli Archivi di Stato, presso gli Archivi Diocesani o financo in archivi privati. Approfondisci
Torna ai contenuti